S’atonzu: l’autunno nelle poesie di Antioco Casula Montanaru

montanaru desulo gennaio in sardegna

S’atonzu: l’autunno nelle poesie di Antioco Casula “Montanaru”

S’atòngiu in is poesias de Antiogu Casula “Montanaru”

Atòngiu o Atonzu, l’autunno è un momento particolare nel calendario sardo e spesso i poeti lo hanno cantato nei loro versi  per esprimere le suggestioni più profonde che questa stagione può trasmettere.

Atòngiu in campidanesu e Atonzu in loguodoresu: custu su nòmini sintzillu da sa stagioni stimada meda de is poetas, chi dda cantant e dd’imperant in is poesias insoru.

Quella autunnale è la stagione de sa binnenna, la vendemmia, ma anche dell’inizio de sa laurera, cioè dei lavori agricoli e di quelli legati alla pastorizia.

In s’atòngiu faint sa binnenna, e messajus e pastoris torrant a fai is assòtzius e a traballai in su sartu, spaciada sa basca lègia de s’istadi.

Non è un caso che il primo dei mesi dell’anno in Sardegna sia proprio Settembre che in Lingua Sarda si chiami Cabudanni o Cabudanne.

No est po nudda, duncas, chi su primu mesi de s’annu in su calendàriu sardu siat pròpiu Cabudanni.

Anche Antioco Casula Montanaru, uno dei poeti più importanti nella storia della letteratura sarda, ha dedicato all’autunno alcuni versi molto intensi e ne ha utilizzato la sua forza immaginifica per esprimere particolari stati d’animo.

Intr”e is poetas sardus prus de importu, po fintzas Antiogu Casula Montanaru at scritu una surra de poesias aundi chistionat de s’atòngiu, cantendi sa grandu fortza chi custa stagioni tenit cun màginis e metàforas bellas medas po su coru e su ciorbeddu.

Come in quel suo grido giovanile intitolato A tie, Barbagia mia! dove le donne vengono paragonate alla terra che custodisce le abbondanti piogge autunnali:

A cumentzai de “A tie, Barbagia mia!”, inui su poeta desulesu narat chi is fèminas funt che sa terra chi stùgiat s’àcua pròpia de su celu in atòngiu:

E i sas femminas nostras iscuras guardianas,
Ch’in sas domos bos rezzin cun grazias galanas,
Cantu piantu han suttu e dolu han costoidu
Che terra chi sas abas d’atonzu s’hat chistidu.

Sì, perché l’autunno porta le prime piogge e fa rinascere la terra, ma a volte può anche essere un pericolo per gli agricoltori e i pastori. Questo aspetto è messo in evidenza in A su inu:

Eja, ca s’atòngiu, gràtzias a s’àcua pròpia de su celu, podit sanai torra sa terra, ma a bortas podit essi po fintzas unu perìgulu po is òminis, cumenti narat in sa poesia “A su inu”:

Ca sos amigos tenent cussas trassas.
Pusti chi bùffant narant: adiosu!…
E olvidan s’amigu e i sas tassas
De su inu lughente e generosu.
Ma deo amento sos seros passados
Cun tue inu. Tristu e minettosu
S’atonzu enzeit. Sos campos arados
A friscu a friscu fint che campusantos
E sos buscos de irde fin privados.

Una tristezza non troppo velata, quella autunnale. Come quella dei Fiores d’atonzu, fiori autunnali già tristi la sera, deboli come i bambini nati malati che non sanno cosa significhi la bellezza dell’esser nati sani.

S’atòngiu podit essi una stagioni trista. Po custu Montanaru imperat sa màgini de is froris atonginus, dèbilis e tristus, po chistionai de s’importu de sa saludi in sa vida de is pipius e de is òminis e totu.

Fiores d’atonzu apertos a manzanu
e a su sero tristos e frunzidos,
che pizzinnos malaidos naschidos,
chi no ischin su bell’istare sanu.

Eo bos miro sutta sas cresuras
pienas de fozas siccas, tra su ludu
de sa prim’aba. A bois non saludu
de puzzones nè ateras dulzuras

De s’aera grae, fritta e neulosa.
Sezis nàschidos gai senz’odore
in sa trista istagione senz’amore,
pro una breve vida dolorosa.

A bois assimìzo custos cantos
mios ultimos. Miseros isfogos
de s’anima penosa, senza giogos
senz’isperos gentiles, senz’incantos.

Sos soles mannos de sa primavera
isparidos pro sempre! Sutta s’aba
de atonzu, tind’andas vid’igraba,
tra sas nues nieddas de sa sera.

Ma le notti d’autunno sono anche ricche di magia; specialmente quelle notti di luna chiara, quando basta uno sguardo al cielo per ritrovare la speranza, chiudere gli occhi e dormire in tutta serenità, come solo i bambini sanno fare.

A bortas perou is notis atonginus podint essi cosas de spantu, po su prus cussus notis de luna crara, candu abastat a ndi pesai is ogus a su celu po intendi torra sa speràntzia aintru de su coru, e si crocai sulenus che is pipius.

Est una notte ‘e luna,
de cuddas lunas de atonzu giaras,
chi cando tue t’acciaras
a la ‘ider andare,
isperas novamente in sa fortuna.

Hat piòpidu tantu
tottu sa die. Pariat sa terra
in s’adde e in sa serra,
tra sos fenos siccados,
bestida de antighissimu piantu.

Ma ecco in su serenu
avanzare sa notte; giaru chelu
risplendere; e che velu
de isposa, sa luna,
bestit de biancore onzi terrenu.

Antioco Casula Montanaru:

Tutte le opere

Leggi anche – Càstia puru:

Nomi dei mesi in Sardo e filastrocche per impararli

Share