Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini allegri

Filastrocche in sardo per bambini da cantare all’aria aperta

Imbala-pipius in sardu gioghendi a foras

Il giardino di nonna è un posto fantastico, dove i fiori, le piante e gli alberi crescono con l’aiuto del sole ma anche della pioggia. Però, quando comincia a piovere, abbiamo un po’ di paura dei tuoni e dei fulmini. Allora nonna ci dice: “tranquilli, è solo su carru ‘e Nannai” e comincia a cantare:

Sa vega de ajaja, unu logu de spantu est, aundi froris, matas e àrburis crescint cun s’agiudu de su soli ma de s’àcua puru. A nai sa beridadi, candu proit, nosu is pipius timeus unu paghixeddu is tronus e is arrajus. Intzandus ajaja si narat: “no timeis ca est su carru ‘e Nannai sceti” e si ponit a cantai:

Ohia momia, est su carru ‘e Nannai!
Chi benit a sdorrocai totu s’aposentu!
Sa mama ‘e su bentu si cojat a de noti
Cun-d unu Momoti po dd’anninniai!

E così, cantando ci addormentiamo, e aspettiamo che passi la pioggia per andare a giocare in giardino il giorno seguente.

E diaici, cantu chi ti cantas, nosu si crocaus, abetendi chi dd’acabit de proi; aici, cras a mengianu, podeus bessiri a foras a giogai.

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini allegri

Filastrocche in sardo | Imbalas: sciàcua sciàcua

Del giardino di nonna ci piacciono i fiori viola, le margherite e il glicine. Una delle magie più belle che avvengono nel giardino è proprio la pioggia di glicine: i fiorellini, mossi dal vento, cadono sopra di noi e formano un tappetto tutto viola e lilla meraviglioso! La pioggia di glicine è più bella anche della neve, e mentre i fiorellini cadono, cantiamo saltando:

A foras de sa domu de ajaja nci funt unus cantu froris de dònnia colori chi si praxint meda. Is mellus funt is froris amuraus, sa sitzia e sa glicina. Chistionendi de custa, arratz”e cosa bella est sa chi ddi naraus “sa scutulada de glicina“! E ita est? Intzandus, candu su bentu sulat, ndi fait arrui is frorixeddus a pitzus de nosu, e in sa terra puru, inui ndi bessit a fora un’arramadura ermosa meda. A dda castiai parit unu pannu de su matessi colori de is froris! S’arrusciada de frorixeddus est prus bella, e meda puru, de su ni’. E po su prexu, candu su bentu sulat e nosu is pipius seus asut”e sa glicina, brinchendi cantaus:

Sciàcua, sciàcua,
cubedd”e àcua,
cubedd”e binu,
bai in caminu…
(prosegue – sighit)

Il profumo dei fiori si sparge nell’aria e raccoglierli diventa un piacere. La natura è incredibile perché riesce a creare una gran quantità di colori, più dell’arcobaleno.

Su fragu bellu de is froris ndi prenit s’àiri: ‘ta cosa bella a ddus arregolli! Sa Naturalesa est cosa de no crei, ca arrennescit a criai coloris de dònnia spètzia, meda de prus de is chi nci funt in s’arcu de Noeu!

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini allegri

Filastrocche in sardo | Imbalas: sana, sana

Il giallo delle ginestre, il rosso dei papaveri, il bianco delle calle, il rosa delle margherite, il blu della borragine, che poi si può anche mangiare e fare l’insalata. Gli antichi la usavano per far passare la tristezza e il malumore. Invece mia nonna, quando piango perché magari cado, mi fa guarire recitando questa magica canzoncina:

Su grogu de sa martigusa, s’arrùbiu de su pabauli, s’arbu de sa calla, su color’ arrosa de sa sitzia, su brau de su ciociddi, chi si podit po fintzas papai. Is bècius ddu imperànt puru po sanai su sentidu. Po cantu spetat a ajaja mia, issa, candu deu mi pongu a prangi ca seu arrutu o mi seu fatu mali, mi sanat arresendi cust’imbala poderosu:

Sana, sana
merd”e cana
merd”e pudda
no nc’est prus nudda!

Filastrocche in sardo | Imbalas: Maria Luisa e su pisiteddu

C’è anche una pianta che porta il nome di una signora: si chiama Maria Luisa in onore di una Regina, forse al tempo in cui eravamo spagnoli. Ha un odore buonissimo come se fosse limone ma più fresco, intenso e fragrante. Quando con nonna ne raccogliamo le foglie ripetiamo questa filastrocca:

Nc’est puru una mata chi portat po fintzas su nòmini de una cristiana: Maria Luisa ddi nant, cumenti a cussa Reina famada, de su tempus chi femus ispanniolus. Unu fragu galanu tenit, limoni parit ma prus friscu, forti e olorosu. Candu imparis a ajaja nd’arregolleus is follas, custa cantzonedda nareus:

Maria Luisa stedd”e su ceu
Totu su noti faendi arrecreu
Totu su noti faendi pispisa
Maria Luisa, Maria Luisa!

Nel giardino di nonna ci sono anche tanti animali come i gattini, che tutti chiamano is pisitus, coi quali gioco sempre e loro sono felici, miagolano e fanno le fusa. Quando vogliono riposare se ne vanno sul tetto, al caldo, oppure si nascondono tra i cespugli. Mentre vanno via noi diciamo:

In sa vega de ajaja nci funt una meca de bèstias puru, che is pisitus e is pisiteddus, chi giogaus sèmpiri imparis. Is pisiteddus parint prexaus deaderus, po custu miàulant e faint mùsica. Candu funt cansaus si ndi bandant me in sa crobetura de sa domu, anca is tèulas funt callentis, deghinò si stùgiant in mesu a is cresuras. E candu si ndi bandant nosu nareus:

Pisiteddu, pisiteddu
bai e cassa ‘nu pilloneddu
(prosegue / sighit)

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini allegri

Filastrocche in sardo | Imbalas: sitzigorrus e babajolas

Dopo la pioggia escono le lumache. All’inizio mi facevano un po’ schifo ma poi ho imparato a prenderle anche in mano. Così, quando tirano fuori le antenne, io gliene tocco una e canto:

Acabau de proi, su sitzigorru bessit. Imoi no m’aschifant prus ca mi praxint. E candu ndi biu calincuna, dda pigu e mi dda pongu in sa manu. Intzandus ddi tocu su corru e mi pongu a cantai:

Tzitzigorru, tzitzigorru
boga tapu e boga corru
boga corru e boga tapu
chi no bessis ti nci papu!

Ma in giardino ci vivono anche tante coccinelle, che in sardo si chiamano babajolas. Se metti la mano, loro ci camminano sopra, finché non volano via, magicamente. Nonna, che conosce tante fiabe e tante storie, mi ha insegnato una bellissima filastrocca proprio sulla coccinella, che è in sardo e fa così:

Innoi a foras nci bivint puru is babajolas. Chi ponis sa manu, issas si ponint a passillai, fintzas a candu no si ndi bandat atesu, bolendi. Ajaja, chi connoscit unu sciacu mannu de contus e paristòrias, m’at imparau custa cantzonedda a pitzus de sa babajola:

Babajola, babajola
piga su libru e bai a iscola
piga s’aneddu e bai a ti cojai
Babajola torra a bolai…

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini allegriIs babajolas volano via ma poi ritornano, proprio come me che non vedo l’ora di riandare nel giardino di nonna dove crescono i fiori più belli del mondo.

Ellus, is babajolas bolant atesu ma torrant puru, che mei chi non biu s’ora de torrai anche ajaja mia po ndi bessiri a giogai a foras, aundi s’agatant is froris prus bellus de su mundu.

Filastrocche sarde per bambini – Il libro

Scopri tutte le filastrocche sarde per bambini nel nostro libro Filastrocche sarde

filastrocche sarde bambini

Leggi anche – Fiabe sarde per bambini e adulti

Fiabe sarde - contus - sardinian folk tales - banner i nomi dei mesi in sardo

Ti consigliamo:

Nomi dei mesi in Sardo e filastrocche per impararli

Fiabe sarde per bambini e genitori

Grazia Deledda per bambini: fiabe e novelle

Sardinian Folk Tales

Share