Carnevale sardo: maschere tradizionali del Carnevale di Sardegna

carnevale sardo

Carnevale sardo: le maschere tradizionali del Carnevale di Sardegna

Il Carnevale sardo comincia con la Festa di Sant’Antoni ‘e su fogu, tra il 16 e il 17 gennaio, ovvero con l’accensione dei fuochi propiziatori che richiamano alla memoria l’impresa del leggendario Prometeo sardo, oppure con i fogadonis in onore di San Sebastiano dal 19 gennaio. Ciò perché la Chiesa ha provato a sostituire gli antichi culti pagani con un rito cristiano, dando vita a una festa ricca di elementi sincretici di grande fascino e coinvolgimento emotivo: una grande tradizione culturale e creativa mediterranea di inestimabile valore.

Infatti, partecipare al Carnevale sardo tradizionale già nel mese di gennaio e negli appuntamenti di febbraio significa prendere parte a riti antichi agropastorali con elementi pagani che affondano le loro radici nei culti delle prime popolazioni sarde e mediterranee, e che raccontano ancora oggi il mistero del ciclo della vita e della morte, della decadenza e della rinascita.

I carnevali e le maschere tradizionali della Sardegna

Come si dice Carnevale in sardo?

Nel centro della Sardegna il carnevale sardo è generalmente chiamato Carrasegare o Carrasecare, letteralmente “carne tagliata”. Denominazione che richiama alla memoria i più antichi riti della religione sarda e mediterranea precristiana.

Nel resto dell’isola, i nomi più diffusi in sardo per indicare il Carnevale sono:

  • carnovali;
  • segarebetza;
  • carnasciali, carrasciali, carrasciari o carrasciale;
  • carraghetza.

Carnevale sardo maschere tradizionali: Màscaras netas e Màscaras brutas

Carnevale Sardo - Maschere e carnevale in Sardegna

Protagoniste indiscusse di questa festa sono le maschere tradizionali del Carnevale barbaricino e di altre regioni dell’Isola, realizzate dagli artigiani in legno, sughero o con altri materiali naturali quali teschi e ossa di animali (chiamate in sardo màscaras, viseras, biseras, carotas).

I travestimenti e le “maschere” di Carnevale si distinguono in due grandi categorie: le maschere netas o lìmpias (pulite, bianche, chiare) e quelle brutas (sporche, nere, scure) di cui abbiamo detto sopra.

Un’altra distinzione importante è quella tra maschere de pe’ o de peis (che vanno a piedi) e maschere de caddu o de cuaddu (che vanno a cavallo).

Carnevale sardo maschere tradizionali: Mamuthones, Boes e tante altre ancora

Vediamo, allora, quali sono le maschere tradizionali del Carnevale sardo.

Vedere d’improvviso i Mamuthones che avanzano lentamente sotto il carico dei pesanti campanacci, udire il loro ritmo cadenzato quando il cielo si fa più scuro dà la sensazione di tuffarsi in un passato remoto che muove le corde più intime generando meraviglia e timore per ciò che non si riesce a capire.

Dolores Turchi – I carnevali e le maschere tradizionali della Sardegna

Provincia di Nuoro – Meria de Nùgoro

Mamoiada – Mamujada: Mamuthones e Issocadores (oppure Issohadores)

Ottana – Otzana: Boes, Merdules e Sa Filonzana

Aritzo: S’Urtzu e Sos Mamutzones

Austis: Sos Colonganos

Fonni – Onne: S’Urthu, Su Ceomo e Sos Buttudos

Gadoni – Adoni: Su Maimomi, Sos Stramajonis, Sa Cràstula

Gavoi: Sos Tumbarinos

Lodè: Sas Màscheras Nettas e Bruttas, Su Maimone, Sos Marratzaios, Sos Issocadores

Lodine: Sas Umpanzias ‘e su Carrasecare lodinesu (Sas Biudas e su Ziomo)

Lula – Lùvula: Sos Battileddos

Macomer – Macumere: Zenòbiu o Donna Zenòbia

Ollolai: Sos Turcos, Sos Bumbones, 

Olzai – Ortzai: Maimones, Murronarzos e Intintos

Oniferi – Onieri: Su Maimone e sas Biudas

Orani – Orane: Su Bundu

Orosei: Sa Zardinera e Sos Maimones

Orotelli – Oroteddi: Sos Thurpos

Ortueri: S’Urtzu e Is Sonaggios (Is Sonàgios)

Ovodda – Odda: Sos Intintos

Sarule: Sa Màschera a gattu (a gatu)

Seui: S’Urtzu e Sa Mamulada

Sindia: Sos Traigolzos

Sorgono – Sòrgono: Is Arestes e S’Urtzu Pretistu

Ogliastra

Ulassai – Ulassa: Su Maimulu, Is Assogadoris, Sa Ingràstula, Sa Martinica, S’Ursu, S’Omadori

Provincia di Oristano – Meria de Aristanis

Oristano – Aristanis: Su Componidori

Aidomaggiore – Aidumajore: Màscheras a lentzolu

Bosa – Osa: S’Attittadora (S’Atitadora) de Su Carrasegare Osincu

Cuglieri – Cùllieri: Sos Cotzulados

Ghilarza – Ilàrtzi: Sos Burrones e Sas Màscheras a lentzoru de su Carruzu a s’antiga

Laconi – Làconi o Làcana: Su Corongiàju

Neoneli – Neunele: Sos Corriolos

Paulilatino – Paule: Sos Corrajos

Samugheo: S’Urtzu e Sos Mamutzones

Ula Tirso – Ulà: S’Urtzu, Su Maschingannu, Sos Domadores, Sos Bardianos, Sos Mamuthones

Provincia di Cagliari e Sud Sardegna – Meria de Casteddu

Cagliari – Casteddu: Sa Gattu, Su Tiàulu, Sa Panettera, etc.

Sestu: Is Mustajonis e S’Orcu o S’Orcu Foresu

Sinnai – Sìnnia: Is Cerbus o Is Xrebus

Carnevale sardo – Per saperne di più:

I carnevali e le maschere tradizionali della Sardegna

Maschere e carnevale in Sardegna

Share
eBook Indibooks Amazon