Enrico Costa scrittore e storico, maestro di Grazia Deledda

Enrico Costa scrittore

Enrico Costa è stato uno dei più importanti scrittori e uomini di cultura della Sardegna. Prolifico autore di romanzi, racconti, opere teatrali e saggi, animò il movimento letterario sardo per tutta la seconda metà dell’Ottocento. Grazia Deledda, scrittrice sarda e vincitrice del Premio Nobel, lo definì suo maestro.

Biografia di Enrico Costa

Nato a Sassari l’11 aprile 1841 da una famiglia ligure di musicisti e imprenditori, Enrico Costa visse la propria infanzia tra Sassari e Cagliari. Primogenito di tre figli, fin da piccolo respirò l’amore per la musica e l’arte. Quando nel 1851 perse il padre, il giovane Enrico dovette abbandonare la scuola per aiutare la madre nella gestione delle attività commerciali. In particolare, si occupò del panificio che la famiglia Costa aveva aperto a Cagliari, senza rinunciare del tutto all’amore per le arti e la letteratura.

Studi ed esperienze lavorative

Nel 1854 Enrico Costa tornò a Sassari, dove frequentò la scuola degli Scolopi. Dopo aver svolto vari lavori saltuari, divenne dapprima impiegato presso l’Agenzia dei vapori francesi, quindi fu assunto come scritturale presso la Tesoreria Regia. In seguito, lavorò come disegnatore presso lo studio dell’ingegner Roux (incaricato di costruire l’acquedotto di Sassari, come impiegato del Catasto e ancora come disegnatore presso le Ferrovie Sarde.

Tra il 1866 e il 1891, svolse diversi incarichi per conto di importanti banche e istituti di credito (Banca Nazionale, Commerciale Sarda, Banca Agricola, Cassa di Risparmio di Sassari). Poi, dopo il fallimento di quest’ultima, lavorò come delegato prefettizio a Buddusò e amministrativo presso l’ospedale di Ozieri. Infine, assunse l’incarico di archivista presso il comune di Sassari. Svolse quest’ultimo impiego dal 1894 alla sua morte, avvenuta il 26 marzo 1909.

Famiglia e collaborazioni artistiche

Dal matrimonio nel 1865 con Enrichetta Manca Piretto nacquero sei figli (tre dei quali morirono prematuramente). Fu proprio in questo periodo che egli cominciò a collaborare a numerosi progetti artistici e letterari con vari personaggi della scena culturale sarda. Fu il fondatore del celebre periodico “La Stella di Sardegna” e del giornale “Gazzettino Sardo”.

Enrico Costa libri e opere

Come già detto, Enrico Costa fu uno dei maggiori scrittori sardi. Autore di romanzi e racconti divenuti ormai celebri, è stato uno dei grandi maestri di Grazia Deledda. Ecco alcuni dei suoi libri più importanti e apprezzati.

La bella di Cabras: Romanzo storico sardo – Capolavoro assoluto di Enrico Costa, narra la storia della bella e sensibile Rosa (denominata da tutti la Bella di Cabras per il suo incredibile splendore). Novella popolare drammatica al confine tra leggenda e realtà, il Costa scrisse questo “racconto sardo” con lo scopo “di poter parlare della nostra Sardegna, tentando di descriverne, con un pretesto più o meno storico, i paesaggi, gli usi, i costumi delle diverse regioni che la compongono”. Leggi la scheda completa e le recensioni dei lettori

Il muto di Gallura – Romanzo storico e “classico” della letteratura, è forse l’opera più celebre di Enrico Costa. A dire di Grazia Deledda, la pubblicazione di questo librò diede vita a un vero e proprio “fermento spirituale” in tutta la Sardegna. Leggi la scheda completa e le recensioni dei lettori

Giovanni Tolu. Storia di un bandito sardo – Biografia narrata al Costa dal più importante e temuto bandito sardo: Giovanni Tolu. Una storia incredibile, capace di svelare una Sardegna autentica e genuina. Il libro venne tradotto in varie lingue. Leggi la scheda completa e le recensioni dei lettori

Adelasia di Torres – Prezioso libro incentrato su una delle figure femminili più interessanti e drammatiche della storia sarda la cui vicenda personale, avvolta ancora oggi nel mistero, ha suscitato l’interesse di numerosi studiosi e scrittori fin dal Medioevo. Leggi la scheda completa e le recensioni dei lettori

Da Sassari a Cagliari e viceversa. Da Macomer a Bosa – Interessante guida turistica in forma di racconto, dotata di un suggestivo fascino narrativo che il passare del tempo non ha fatto altro che aumentare. Leggi la scheda completa e le recensioni dei lettori

Leggi anche:

Banditi sardi tra storia e letteratura, per grandi e ragazzi

La festa di Sant’Efisio raccontata da Enrico Costa e Valery

Share