Anna Frank e la Shoah raccontate ai bambini e ai ragazzi: perché il Giorno della Memoria sia ogni giorno

La storia di Anna Frank e la Shoah raccontate ai bambini e ai ragazzi: cosa leggere per il Giorno della Memoria.

Più passa il tempo, più diventa importante per far conoscere alle giovani generazioni la tragedia dell’Olocausto e commemorare le vittime dello sterminio nazista, come ad esempio Anna Frank, non solo per il Giorno della Memoria che si celebre il 27 gennaio.

Ma qual’è la via migliore per raccontare la Shoah ai più piccoli? Quali libri far leggere ai bambini e ai ragazzi? Diamo uno sguardo ad alcuni dei classici fondamentali, adatti anche a un pubblico più giovane, col proposito di insegnare loro la storia, affinché tragedie del genere non si ripetano mai più.

Giorno della Memoria: Quando Hitler rubò il coniglio rosa di Judith Kerr

Una prima introduzione all’avvento del nazismo è senza dubbio l’ottimo romanzo di Judith Kerr intitolato Quando Hitler rubò il coniglio rosa: i fatti storici vengono raccontati in maniera delicata dalla protagonista, Anna, una bambina di dieci anni costretta a fuggire dapprima in Svizzera, quindi in Francia e poi in Inghilterra proprio a causa delle persecuzioni naziste contro gli ebrei.

La tragedia dell’Olocausto è solo accennata e i tragici eventi che si svolgono in Germania e in altri paesi occupati dai nazisti vengono raccontati dallo zio Julius. L’immagine del coniglio rosa, il giocattolo preferito dalla piccola bambina ebrea e profuga, lasciato a casa e rubato dal dittatore esemplifica la capacità di questo romanzo dal forte valore simbolico, ottima introduzione per i più piccoli che si affacciano ai drammi della Storia. Quando Hitler rubò il coniglio rosa è adatto ai bambini della scuola primaria, già da 8-10 anni.

Giorno della Memoria: Il bambino con il pigiama a righe di John Boyne

Bruno ha nove anni ed è il protagonista de Il bambino con il pigiama a righe di John Boyne, uno dei più bei libri dedicati alla Shoah e alla vita nei campi di concentramento dei quali furono vittime anche tanti bambini. Figlio di un ufficiale nazista e comandante di un campo, recintato e sorvegliato a vista, Bruno fa la conoscenza di Shmuel, bambino polacco che indossa uno strano pigiama a strisce e che sta dall’altra parte.

Scritto con una penna fluida e un linguaggio semplice, Il bambino con il pigiama a righe è un’ottima lettura, per grandi e piccoli (da 12 anni), capace di mostrare la spontaneità dei bambini nonostante la catastrofe umana che li circonda. Il libro, dal quale è stato tratto un altrettanto fantastico film, ha il merito di riuscire a raccontare la Shoah con la purezza dei sentimenti dell’infanzia.

Giorno della Memoria: Il Diario di Anna Frank

Anna Frank e la Shoah raccontata ai bambini e ai ragazzi

Classico della letteratura mondiale, ancora oggi fondamentale per comprendere la dimensione intima di una tragedia immane che coinvolse milioni di persone.

Il Diario di Anna Frank, (o Anne per scrivere in maniera corretta il suo nome), ripercorre la storia, i sentimenti e le angosce di una ragazza quattordicenne che, in una Amsterdam senza più libertà, si rifugia con la propria famiglia in una soffitta per sfuggire alle persecuzioni naziste.

 

Anna verrà deportata insieme alla famiglia e ai compagni del rifugio, e non tornerà mai più a casa.

Il suo Diario, pubblicato per volere del padre, unico sopravvissuto, oltre a essere un’opera letterariamente piacevole, ha una valenza simbolica universale: il suo nome e la sua storia, nonostante tutto, rimarranno immortali finché qualcuno leggerà il suo Diario.

Ovviamente si tratta di un libro rivolto sia ad un pubblico adulto, sia ad uno più giovane, a partire dai 10-12 anni (la maestra ce lo regalò alla fine della quinta elementare). Molto suggestiva anche la versione graphic novel realizzata da Sid Jacobson ed Ernie Colón, intitolata Anne Frank. La biografia a fumetti.

Giorno della Memoria: L’amico ritrovato di Fred Uhlman

Il valore dell’amicizia come fondamento della vita: L’amico ritrovato di Fred Uhlman è uno dei capolavori della letteratura novecentesca. Ambientato in una Stoccarda avvelenata dagli odi razziali, narra la storia di due ragazzi, apparentemente diversi tra loro, tra i quali nasce un fortissimo rapporto d’amicizia. Ma nel giro di un anno, per cause politiche e sociali, questo verrà meno: il nazismo distrugge tutto, anche i sentimenti più sinceri. Oppure la verità è un’altra? Una storia magica, senza tempo, L’amico ritrovato fa parte della Trilogia del ritorno. Età di lettura dai 12-14 anni.

Giorno della Memoria: Come si diventa nazisti di W.S. Allen

Un libro per i più grandi, di grande valore storico; una lettura per capire come la popolazione di una tranquilla cittadina tedesca possa diventare una roccaforte del Nazismo. Come si diventa nazisti di W. S. Allen non è un romanzo ma un testo storico di grande pregio che, con statistiche e dati, racconta al pubblico (a cominciare dai ragazzi delle scuole superiori) la tragica affermazione dell’ideologia nazista.



La storia di Anna Frank e la Shoah raccontate ai bambini e ai ragazzi – Per saperne di più:

Quando Hitler rubò il coniglio rosa

Il bambino con il pigiama a righe

Diario di Anna Frank

Anne Frank. La biografia a fumetti

L’amico ritrovato

Come si diventa nazisti

Share