I grandi poeti sardi: chi sono? Scopri il meglio della poesia sarda

I grandi poeti sardi: il meglio della poesia in lingua sarda

I grandi poeti sardi sono conosciuti in lingua sarda come Sos Mannos o Is Mannus: i grandi, appunto. Si tratta dei più importanti poeti della Sardegna, che hanno composto le loro poesie e i loro poemi in lingua sarda, già a partire dal Quattrocento e dal Cinquecento.

Grandi poeti sardi: il meglio della poesia in lingua sarda

Il meglio della grande poesia in lingua sarda

Antologia curata da Manlio Brigaglia e pubblicata dalla casa edirice Della Torre di Cagliari. Contiene le schede biografiche e le poesie in lingua sarda più famose, composte dai più importanti poeti sardi d’ogni tempo: Gerolamo Araolla, Pietro Pisurzi, Francesco Ignazio Mannu, “Padre Luca” Cubeddu, Don Baignu Pes, Diego Mele, Efisio Pintor Sirigu, Melchiorre Murenu, Paolo Mossa, Peppino Mereu, Pompeo Calvia, Antioco Casula “Montanaru”, Benvenuto Lobina.

Il meglio della grande poesia in lingua sarda: consulta la scheda del libro e leggi le recensioni

I grandi poeti sardi: il meglio della poesia in lingua sarda

Sos Mannos – Is Mannus: chi sono i più grandi poeti sardi d’ogni tempo

I grandi poeti sardi tra Quattrocento e Seicento

Antonio Cano (1400 – 1470): sassarese, è l’autore di Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu, la prima opera poetica composta in lingua sarda.

Antonio Lo Frasso (1520 – 1595): algherese, è considerato il primo poeta ad aver pubblicato poesie amorose in lingua sarda. Costretto a lasciare la Sardegna per un delitto amoroso, fuggì in Spagna, dove ebbe un discreto successo come scrittore.

Gerolamo Araolla (1540 – 1610): di Sassari, fu uno degli esponenti di spicco del movimento culturale sardo del Cinquecento. È autore del poema religioso Sa vida, su martiriu et morte dessos gloriosos martires Gavinu, Brothu et Gianuariu e delle Rimas diversas spirituales.

I grandi poeti sardi del Settecento e del primo Ottocento

Pietro Pisurzi (1707 – 1796): amatissimo poeta di Bantine, è autore di famose Cantones quali S’abe, S’anzone, Su cabaddareddu, Cando nos semus amados oggi raccolte nel libro Pietro Pisurzi: Cantones. S’abe, s’anzone su cabaddareddu e gli altri versi ritrovati curato da Salvatore Tola.

I grandi poeti in lingua sarda. Pietro Pisurzi: Cantones. S'abe, s'anzone su cabaddareddu e gli altri versi ritrovati

Luca Cubeddu (1748-1828): di Pattada, “Padre” Luca Cubeddu è ancora oggi uno dei poeti sardi più conosciuti. Uomo di chiesa nonché autore versatile e creativo, visse per anni alla macchia come un bandito. Compose drammi, poesie favolose e d’amore, canzoni religiose e romantiche, contenute oggi nella raccolta “Padre Luca” Cubeddu: Cantones e versos curata da Salvatore Tola, con introduzione di Michelangelo Pira.

I grandi poeti in lingua sarda. Cantones e versos

Don Baignu Pes (1724 – 1795): di Tempio, Gavino Pes, noto come “Don Baignu”, è il più famoso poeta gallurese, tanto che venne soprannominato il Catullo di Gallura. Fu autore di canzoni e liriche di alto valore poetico. Tra queste molto successo ebbero i componimenti amorosi come La timpista, ma anche i componimenti della vecchiaia dedicati allo scorrere inesorabile del tempo o al tema del pentimento come Lu Tempu, Lu Pintimentu, La vecchiaja e altri ancora, contenuti nella raccolta Tutti li canzoni curata da Giulio Cossu.

I grandi poeti in lingua sarda. Don Baignu Gavino Pes: Tutti li canzoni

Francesco Ignazio Mannu (1758-1839): di Ozieri, è l’autore del celebre canto rivoluzionario nonché inno nazionale sardo Su Patriottu sardu a sos feudatarios che inizia coi noti versi: Procurade ‘e moderare, barones sa tirannia.

Efisio Pintor Sirigu (1765 – 1814): poeta di Cagliari, celebre per i suoi componimenti ironici e farseschi. Noto come Pintoreddu, si recitano ancora oggi le sue poesie più famose quali Femu cassadori, Pilloni chi sesi, oppure sa Canzoni de su caboniscu, caratterizzate da versi carichi di allegorie satiriche e di profonde critiche nei confronti della società cagliaritana. Efisio Pintor Sirigu è considerato uno degli esponenti di spicco della grande Poesia sarda campidanese (variante linguistica del Sud Sardegna) come Cesare Saragat, Luigi Matta, Ignazio Cogotti, Ottone Bacaredda, Gaetano Canelles, Teresa Mundula Crespellani.

I grandi poeti sardi dell’Ottocento

Melchiorre Murenu (1803-1854): poeta di Macomer, cieco dall’età di tre anni, morì assassinato per mano di ignoti. Fu uno dei maggiori poeti estemporanei della Sardegna, stimato e allo stesso tempo temuto per la “vena moralistica” dei suoi versi carichi di ironia che non poche volte urtarono la sensibilità degli sfidanti e del pubblico (e che forse gli causarono la morte). Le più popolari composizioni di Melchiorre Murenu sono contenute nel volume Tutte le poesie curato da Fernando Pilia.

I grandi poeti in lingua sarda. Melchiorre Murenu: Tutte le poesie

Paolo Mossa (1821-1892): Paulicu Mossa, poeta di Bonorva, è autore famose poesie che hanno avuto e continuano ad avere una grande fortuna in tutta la Sardegna. I suoi versi parlano principalmente d’amore e sono spesso dei voli di fantasia che lasciano da parte le questioni sociali e politiche, ripercorrendo quindi i temi cari della cosiddetta Arcadia sarda.

I grandi poeti sardi del Novecento

Antioco Casula “Montanaru” (1878 – 1957): poeta di Desulo, è uno degli autori più conosciuti ed apprezzati dagli appassionati di letteratura sarda, tanto che uno dei premi letterari più importanti della Sardegna porta il suo nome. Montanaru, Boghes, cantos e cantigos. Le liriche di Antioco Casula il miglior poeta di metà Novecento è il titolo della raccolta curata da Salvatore Tola.

I grandi poeti in lingua sarda. Montanaru: Boghes, cantos e cantigos

I grandi poeti sardi – Leggi anche:

Peppino Mereu: poesie e biografia del poeta sardo più famoso di tutti i tempi

 

Share
eBook Indibooks Amazon