Jolly Phonics per imparare l’inglese

jolly phonics

Jolly Phonics è il nome di un divertente metodo progettato appositamente per insegnare l’inglese ai bambini nei suoi diversi aspetti. Caratteristica di questa metodologia è che il processo di alfabetizzazione procede per gradi, garantendo così un apprendimento veloce e semplice che si fa sempre più complesso col passare del tempo e degli obiettivi.



Jolly Phonics: un metodo multisensoriale

A differenza dei metodi analitici, Jolly Phonics punta a far apprendere ai bambini i 42 suoni (synthetic phonics) della lingua inglese attraverso un procedimento multisensoriale. I suoni vengono insegnati secondo un ordine particolare, e non alfabeticamente, in modo da favorire l’acquisizione di 5 competenze fondamentali di base: apprendere i 42 suoni che le lettere formano; imparare a scrivere le lettere; comprendere la composizione e la formazione delle parole; identificare i suoni nelle parole e quindi lo spelling e la segmentazione, attraverso il “blending”; apprendere le “tricky words” che hanno regole differenti e che vengono insegnate a parte.

Al di là degli aspetti metodologici, il sistema di apprendimento Jolly Phonics si presenta agli occhi dei bambini come un gioco e, oltre a essere usato nelle scuole britanniche e americane, viene adoperato anche in altri contesti dove l’inglese non è lingua madre, ma seconda lingua, come in Italia, a partire dalla Scuola dell’infanzia e poi alla Primaria.

Come dicevamo, l’approccio è multisensoriale: a ogni suono fonetico è associata una canzoncina, una figura o un personaggio e un movimento. I bambini scoprono in maniera graduale i vari suoni, partendo dai più semplici per arrivare ai più complicati. Ciò che maggiormente colpisce di questo metodo è che i bambini giocano, si divertono, cantano e fanno simpatici movimenti con le mani e col corpo e, nel frattempo, apprendono le basi della lingua inglese in maniera non analitica ma sensoriale.



Jolly Phonics: 42 fonemi divisi in 7 gruppi

snake jolly phonicsI 42 fonemi sono divisi in 7 gruppi: primo gruppo (s, a, t, i, p, n), secondo (c k, e, h, r, m, d), terzo (g, o, u, l, f, b), quarto (ai, j, oa, ie, ee, or), quinto (z, w, ng, v, oo, oo), sesto (y, x, ch, sh, th, th) e settimo (qu, ou, oi, ue, er, ar).

Cominceranno quindi a conoscere Snake il serpente e Ant la formica: allo stesso tempo per il fonema “S” impareranno a muovere la mano come un serpente riproducendo il suono “sss”, per “A” mimeranno l’azione di liberarsi delle formiche (ants) dal braccio (arm) e diranno “a, a, a”.

In questo modo l’associazione del suono al movimento, alla figura e alla filastrocca attiverà nel bambino una serie di connessioni sintetiche che potranno essere rinforzate più avanti con un approccio analitico e logico. E questa, davvero, è la forza del Jolly Phonics.

Jolly Phonics: strumenti multimediali per l’apprendimento dell’inglese

Il consolidamento di questa pratica viene realizzato attraverso l’utilizzo di quaderni e album che servono ai bambini per imparare a scrivere le lettere e le parole. Diamo uno sguardo ai materiali necessari per seguire quest’approccio.

Per utilizzare il metodo Jolly Phonics è necessario acquistare il libro Jolly songs. Con CD Audio: le 24 pagine del libro contengono le immagini, i testi delle 42 filastrocche e i movimenti da associare ai suoni, mentre il CD contiene le canzoncine originali in British English.

Al libro e al CD è necessario associare la JollyPhonics Letter Sound Stripper davvero utile al processo di apprendimento globale.

jolly phonics sound

Inoltre, sono necessari i libri per lo studente. Si tratta di tre volumi (JollyPhonics Pupil Book 1JollyPhonics Pupil Book 2 JollyPhonics Pupil Book 3): ogni pagina del libro è dedicata a uno dei 42 suoni; oltre all’immagine e al movimento a esso associati, la pagina propone un esercizio per imparare a scrivere la lettera/fonema, alcuni esercizi per rafforzare quanto appreso nonché delle parole che contengono il suono/lettera/fonema da leggere e imparare.

Di fondamentale importanza sono anche i 7 JollyPhonics Workbooks che servono per aiutare i bambini a mettere in pratica quanto appreso: ogni libro degli esercizi è dedicato a un gruppo di fonemi, dal più semplice al più difficile.

Molto belle e utili sono anche le JollyPhonics Cards che aiutano a memorizzare i fonemi e le immagini a essi correlati.

Jolly Phonics – Per saperne di più:

Materiale didattico per l’utilizzo del metodo JollyPhonics

Leggi anche:

JollyPhonics Letter Sounds App

Share