La leggenda di Sant’Antonio: Sant’Antoni de su fogu

La leggenda di Sant’Antonio: Sant’Antoni de su fogu

La leggenda di Sant’Antonio abate, chiamato Sant’Antoni de su fogu in lingua sarda, è tra le più conosciute in Sardegna. La celebrazione della sua festa, che cade il 17 gennaio, annuncia l’inizio del Carnevale Sardo, su Carrasciali o Carrasegare.

I fuochi di Sant’Antonio

Il 16 gennaio, quando cala la sera, in numerosi centri dell’isola si accendono i celebri fuochi o falò che, in Sardo, vengono indicati con vari nomi: is fogus, is fogaronis o fogadonis, sos focos, sos o’os (fuochi realizzati con cataste di legna, detti anche foghillonis e fogonis o ancora ogulones); is frascas e sas frascas, is sèlemas e sas sèlemas (soprattutto in Ogliastra e in Baronia, che indicano le cataste di legna e frasche di cespugli della macchia mediterranea).

A Dorgali il fuoco è chiamato su romasinu perché prevalgono i cespugli e l’odore del rosmarino, mentre a Bitti è chiamato sa ochina e a Torpé su fogulone.

Is tuvas e sas tuvas sono invece i tronchi di alberi che i fulmini e lo scorrere del tempo hanno reso cavi e che vengono utilizzati sopratutto a Sedilo, Aidomaggiore, Ghilarza, nonché in altri centri dell’alto oristanese.

La leggenda di Sant’Antonio, il Prometeo sardo

L’importanza che la figura di Sant’Antonio abate ha ancora oggi nel contesto culturale sardo è incomprensibile se non si conosce la leggenda di Sant’Antonio ovvero il racconto del furto del fuoco.

Infatti Sant’Antoni de su fogu è il Prometeo della tradizione sarda: è colui che rubò il fuoco dall’inferno per regalarlo agli uomini.

Ma non fu cosa facile: Sant’Antonio riuscì infatti ad entrare all’inferno grazie all’aiuto del maialino che sempre lo seguiva, e così a rubare le scintille del fuoco grazie alle proprietà del suo bastone di ferula, che brucia dentro e non si vede fuori.

Ed è per questo gesto così importante che in tantissimi centri dell’isola si accendono e si benedicono i fuochi, rendendo così omaggio a chi ha permesso alle popolazioni sarde di sopravvivere al freddo e alle intemperie.

Sant'Antonio del fuoco - Sant'Antoni de su fogu - pipius

La leggenda di Sant’Antonio in lingua sarda campidanese: su contu de Sant’Antoni

Nanta ca una borta in su mundu su fogu no nci fiat e is òminis de su frius morìanta. Po cust’arrexoni, Sant’Antoni dispràxiu meda fiat, e de andai a ddu furai a s’inferru iat detzìdiu. Ita iat fatu intzandus? Acostau si fiat a s”enna de s’inferru, tochendidda po si dda fai oberri, ma is tiàulus no ddu iant lassau intrai.

Intzandus e ita iat fatu issu? Sigumenti s”enna fiat pagu pagu oberta, a su porceddeddu iat nau de s’imbucai lestru. Cosa chi iat fatu. E in cuddu logu a curri si fiat postu, ponendi totu in avolotu. E intzandus Sant’Antoni iat domandau a is tiàulus: “lassai-mi intrai ca depu circai a su porceddeddu po mi ddu pigai torra!”. E diaici is tiàulus ddu iant fatu intrai.

E duncas, una borta intrau Sant’Antoni, a su porceddeddu iat aciapau. A pustis però, faendi biri a is dimònius ca stracu pèrdiu fiat, sa gentilesa de si pasiai acantu a su fogaroni mannu, chi ingunis nci fiat, iat pediu. E aici iat fatu. Ma sigumenti issu fiat acostumau a passillai cun su bàculu de fèrula, a pagu a pagu a su fogu acostau ddu iat, ca sa fèrula aintru bruxat e a foras no si bit.

Saludendi e torrendi gràtzias, cun su porceddeddu e su bàculu si ndi fiat andau, lassendi cussu logu callenti de aundi su fogu nd’iat furau. Aici, in su mundu fiat torrau e su fogu a is òminis iat donau, cussu fogu chi a cinciddas fiat, stugiau aintru de su fusti de fèrula, e chi a fogaroni mannu bessiu ndi fiat po su prexu de is òminis.

Sant’Antonio: le lanterne d’amore e la benedizione degli animali

La leggenda di Sant’Antonio è sicuramente tra le più diffuse anche a Cagliari e nel Campidano. Sino all’Ottocento in città si usava accendere su fogaroni, così come testimoniato da alcuni viaggiatori stranieri che visitarono l’isola due secoli or sono: la festa si svolgeva nel quartiere storico di Stampace.

Questa festa aveva anche un ruolo simile a quella che oggi ha la ricorrenza di San Valentino, in quanto Sant’Antoni veniva considerato non solo il protettore delle fanciulle ma veniva invocato a protezione dei loro amori.

Per la felicità in campo amoroso erano solite custodire sotto il letto le lampade di Sant’Antonio, lucerne realizzate in terracotta a sette fiamme.

A Cagliari il santo veniva indicato anche col nome Sant’Antoni de su porcu: denominazione che ne sottolinea lo stretto legame con il mondo animale.

Il suo ruolo di protettore degli animali è oggi ancora vivo: se il 17 gennaio di pomeriggio ci si reca in via Manno, l’antica Sa Costa, dove si trova appunto la chiesa di Sant’Antonio abate, è possibile assistere alla benedizione degli animali da parte del sacerdote e all’allegra processione di gatti e cani, ma anche cavalli e animali più o meno domestici che le persone portano davanti alla chiesa affinché il Santo che regalò ai Sardi il fuoco li protegga per tutto l’anno.

eBook Indibooks Amazon

 

Leggi anche:

Fiabe sarde per bambini e genitori

Halloween Sardegna: morti, fantasmi e spiriti raccontati da Grazia Deledda

Grazia Deledda per bambini: fiabe e novelle

Nomi dei mesi in Sardo e filastrocche per impararli

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini

Share