Lingua sarda: campidanese, logudorese e gli altri dialetti della Sardegna

Lingua sarda

La lingua sarda (sa limba sarda) è una lingua neolatina del “gruppo occidentale” come il francese, il catalano, l’occitano, il castigliano e il portoghese.

Lingua sarda campidanese e logudorese

L’idioma sardo presenta una grande varietà di dialetti o varianti locali. Generalmente, i due gruppi principali in cui viene suddivisa, sono:

  • la lingua sarda campidanese, parlata nel sud della Sardegna;
  • la lingua sarda logudorese, parlata nel centro nord dell’isola.

I principali dialetti sardi

La distinzione in Lingua sarda campidanese e logudorese è molto generica e approssimativa. In realtà, è possibile suddividere il Sardo in almeno 5 gruppi o varianti principali.

Partendo da Nord, possiamo quindi distinguere:

  1. il Logudorese: si tratta dei dialetti della Sardegna Centro Settentrionale (esclusi il Gallurese, il Sassarese e l’Algherese). E’ la lingua che prende il nome dalla regione del Logudoro, e, grosso modo, viene parlata da Olbia a Macomer.
  2. il Nuorese: si tratta dei dialetti che parlano gli abitanti dell’attuale Provincia di Nuoro. E’ chiaro che all’interno di questa zona geografica, esistono notevoli differenze e non tutti i dialetti “nuoresi” sono simili. Si tratta anche in questo caso di una distinzione “per comodità”.
  3. la Lingua Sarda “centrale” : parlate miste, con fenomeni che possono richiamare il Campidanese e il Logudorese o il Nuorese. Si tratta di un insieme di dialetti che costituiscono la Limba Sarda de Mesania e che vengono parlati nella fascia mediana: Barigadu e Mandrolisai, ma anche alcune zone della Barbagia.
  4. l’Ogliastrino: si tratta delle parlate della Sardegna Centro Orientale, le quali non possono essere totalmente incluse nelle varianti campidanesi o nuoresi, avendo elementi di entrambe. E tantissime caratteristiche che le rendono una variante indipendente. Si riferisce ai dialetti parlati in Ogliastra, quindi, grosso modo, da Tertenia fino a Baunei, Triei e Urzulei, da Tortolì fino a Seui.
  5. Lingua Sarda Campidanese: è la variante del Sistema Linguistico Sardo parlata nel sud dell’Isola. Prende il nome dalle pianure del Campidano, che vanno da Cagliari a Oristano. Per estensione si parla di Campidanese (Campidanesu) per indicare la Lingua Sarda Meridionale. Per comodità e per maggiore omogeneità vengono chiamati “campidanesi” i dialetti del Sulcis, del Sarrabus, della Trexenta, etc.

Lingua sarda: consigli di lettura

La lingua sarda raccontata ai miei nipoti di Matteo Porru

Storia della lingua sarda di G. Ingrassia e E. Blasco Ferrer

La lingua sarda. Storia, spirito e forma di M. Leopold Wagner

Vocabolario italiano-sardo di Giovanni Spano

Grammaticà de sa limba sarda di Mario Puddu

Lingua sarda - Il Sardo: una lingua normale

Lingua sarda origini

Come tutte le lingue neolatine, il Sardo è nato dall’incontro tra il latino e le lingue parlate precedentemente dagli antichi abitanti della Sardegna, vale a dire le popolazioni prenuragiche, nuragiche, gli shardana, i fenici.

Latino e lingua sarda: consigli di lettura

Storia della lingua sarda

Il latino è la lingua dei sardi. Su latinu est limba de sos Sardos. Latinum lingua sardorum est

Lingua sarda antica

Oltre alle forme sintattiche e semantiche ereditate dal latino, la lingua sarda ha conservato parte del sostrato prelatino. Tantissime parole utilizzate ancora oggi hanno una radice non riconducibile alla lingua latina ma all’antica lingua sarda. Tali “fossili linguistici” li ritroviamo soprattutto in toponimi (nomi di città e paesi, località e siti) e cognomi, ma anche in parole di uso comune.

Tra queste parole, ci sono ad esempio:

Lingua sarda antica: consigli di lettura

Scrittura nuragica? Storia, problemi e considerazioni

L’alfabeto ogham nell’antica civiltà sarda

Scrittura in lingua sarda

I documenti più antichi scritti in sardo risalgono al Medioevo. Fu infatti in quest’epoca che si affermò l’utilizzo del sardo scritto quale strumento di comunicazione nei contesti politici, economici, sociali e religiosi dell’Isola.

Letteratura, canzoni e film

La lingua sarda viene utilizzata anche per la composizione di opere letterarie almeno dal Quattrocento. La poesia in lingua sarda, sia in forma orale, sia in forma scritta, è ancora oggi parte integrante del patrimonio culturale sardo. Questa vitalità è testimoniata anche dalla diffusione de Sa Limba in contesti artistici e creativi quali la musica, il teatro e il cinema. Di ottima qualità è anche la produzione letteraria di racconti in sardo nonché di romanzi e saggi.

Lingua sarda frasi, proverbi e filastrocche: consigli di lettura

Pìndulas. Pillole di lingua sarda e di altre lingue neolatine: aneddoti, curiosità ed etimologie

Proverbi sardi

Filastrocche sarde: Imbalas

Gli altri dialetti sardi

Oltre all’italiano standard e alla Lingua sarda (campidanese, logudorese e nuorese) in Sardegna si parlano altri dialetti che non appartengono propriamente al sistema linguistico sardo:

  • il Sassarese: parlato a Sassari e dintorni;
  • il Castellanese di Castelsardo;
  • il Gallurese o Sardo corso: si parla in Gallura ed è una variante del Corso meridionale;
  • il tabarkino o carlofortino parlato nell’Isola di San Pietro, è una variante del Ligure;
  • l’algherese o catalano: parlato ad Alghero, è una variante della lingua catalana.

Lingua sarda: tutti gli articoli

Share
eBook Indibooks Amazon