Natale in Sardegna: tradizioni, usanze e poesie

Natale

Il Natale in Sardegna è tradizionalmente una festa a carattere familiare con un iter abbastanza semplice e diffuso in quasi tutta l’isola. A cominciare dalla cena della vigilia.

Natale in Sardegna: la vigilia

Il 24 notte si festeggia la vigilia a tavola: questa è chiamata Noti de cena (notexèna) a Cagliari e nel sud, e Note de chena nel centro nord.

Dopo la cena si usa andare a messa. Una volta la messa di mezzanotte del 24 dicembre, chiamata missa de pudda o de puddu, era un po’ chiassosa per via dell’alto tasso alcolico che scorreva nel sangue dei partecipanti, che cercavano di smaltire col ballo davanti alla chiesa, in pratza de crèsia, usanza che spesso era malvista dalla chiesa ufficiale, ma tuttavia sopportata.

A casa invece si giocava ai giochi tipici delle feste natalizie. Tra questi, specialmente a Cagliari e nel sud Sardegna, il più diffuso era su barrallicu.

Il Natale descritto da scrittori e poeti

Grazia Deledda, scrittrice nuorese Premio Nobel, ha conservato nei suoi romanzi, nelle sue novelle e nei suoi saggi il ricordo delle usanze più autentiche della nostra isola, rendendole così immortali.

Atmosfere che non mancano nelle opere di alcuni dei più grandi poeti sardi, come ad esempio il famoso Antioco Casula Montanaru di Desulo.

Notte de Nadale: il significato della festa nei versi del poeta Montanaru

Il Natale è finalmente arrivato. Le campane diffondono per le strade l’entusiasmo per la festa che in tutte le case si attende, messaggera di speranza in un mondo caratterizzato dal male. In ogni luogo e in ogni tempo le persone ritrovano un po’ di conforto nella fede che il domani sia ricco di pace.

In questi versi del poeta desulese Antioco Casula “Montanaru” l’atmosfera del Natale viene dipinta con essenzialità idilliaca come festa della speranza in un futuro migliore.

Toccana sas campànas de Natale
sa festa disizada in ogni domo;
su mundu che a s’antiga torrat como
càrrigu de isperu in tantu male.

In sos montes, in mares e in portos
lontanos, in sas biddas e zittades
comente de Gesus in sas edades
torrat s’umanidade a sos cunfortos

De sa fide, a s’invitu ’e sa paghe
ca troppu hamus penadu e combattidu
dae cando su sole hat coloridu
de lughe ogni pianu ogni nuraghe.

Deo puru t’invoco o Deus nou
gentile Deu de sos cristianos.
M’imbenugio e in altu alzo sas manos
d’ogni penseri meu est che i s’ou

Virgine, senza mal’intenzione,
cun su coro pienu ’e disizos
santos de bene, pro tottu sos fizos
chi adorant sa tua passione.

A su perdonu ispirami, a s’amore
a su tribagliu santu resistente;
faghemi forte, rendemi potente
pro incher’a dogn’ora su dolore;

E sos impetos d’odiu ch’a bortas
mi passana sas carres che turmentu
cun sa furia manna ’e su entu
chi faghet tremer fentanas e portas.

Passa o Deus ancora in cust’edade
de odiu ricca e povera d’amore,
cantende de sa notte in s’isplendore:
«Paghe a sa zente ’e bona volontade!».

Natale in Sardegna

Share
eBook Indibooks Amazon