Paschixedda e Pasca de Nadale: il Natale in Sardegna

Paschixedda Natale in Sardegna pipius

Paschixedda e Pasca de Nadale: radici antiche del mese di dicembre

Paschixedda e Pasca de Nadale: arrèxinis antigas de su Mes”e Idas

Mes”e Idas è il termine più diffuso in Lingua Sarda per indicare quello che in Lingua Italiana è detto mese di dicembre.

In sardu, a s’ùrtimu mesi de s’annu ddi nant po su prus Mesi de Idas, est a nai Mes”e Idas.

Il nome Mesi de Idas potrebbe richiamare la denominazione latina delle Idi: idus o éidus era infatti il nome del quindicesimo giorno del mese di marzo, maggio, luglio e ottobre, e il tredicesimo giorno negli altri mesi. Questa è la teoria avanzata da quasi tutti i linguisti.

Su fueddu Mesi de Idas ndi podit po fintzas arribai de sa peràula latina Idi, ca idus o éidus fiat su nòmini chi is arromanus imperànt po sa de cuìndixi dies de su mesi de martzu, maju, argiolas e ladàmini, e sa de trexi dies in is atrus  mesis. Custu s’arrexonu po sa prus parti de is istudiaus de lìnguas antigas.

Tuttavia il termine idas potrebbe essere entrato ancora prima nella Lingua Sarda moderna ed affondare le proprie radici in idh cioè la radice indo-europea dalla quale deriverebbe il termine sanscrito edhas che indica un legno da ardere, ma anche il verbo greco aitho che significa appunto accendere, ardere e splendere.

Podit essi puru chi sa peràula idas siat bintrada in tempus prus antigus in sa lìngua sarda, sendi acapiada a idh, un’arrèxini indo-europea chi ndi bessint po fintzas su fueddu sànscridu edhas (linna a bruxai) e su berbu aregu aitho, chi bolit nai allui e abruxai.

Pertanto non è escluso che idas indichi proprio il fuoco in senso materiale per l’antica usanza di accendere fuochi già nel mese di dicembre o la luce nel senso religioso cui queste feste erano legate, cioè la fine dell’inverno e della parte più oscura dell’anno e l’inizio della parte più luminosa.

Po custas arrexonis su fuaeddu idas parit deaderus acapiau a su fogu e a sa luxi: de una banda a su fogu, ca in custa temporada de s’annu s’alluint fogus e fogaronis; de un’àtera a sa luxi, in su sentidu spirituali suu prus sintzillu.

Non è un caso che importanti feste come quella di Santa Barbara il quattro, San Nicola il sei e Santa Lucia il tredici dicembre abbiano in comune l’accensione di un falò che in altri paesi della Sardegna ritroviamo per le feste di Sant’Antonio Abate, Sant’Antoni de su fogu in sardo, o San Sebastiano che cadono a gennaio.

No est po de badas, duncas, chi po is festas de importu che sa de Santa Bàrbara, Santu Nicolau e Santa Luxia, chi funt su 4, su 6 e su 13 de mes”e idas, su connotu bolit chi s’alluint fogus e fogaronis; costumàntzia chi agataus puru in àteras festas che sa de Sant’Antoni e sa de Santu Sebastianu chi in gennàrgiu lompint.

Ma è possibile che il termine indichi anche l’usanza diffusa in tutto il mediterraneo, ancora presente in Catalogna col nome di Tiò de Nadal, dell’accensione del ceppo domestico.

E podit essi puru chi custa peràula potzat essi acapiada a su “Tziu de Nadali” (Tiò de Nadal, est a nai sa cotzina de Paschixedda), costumàntzia forti meda oindì in Catalùnnia e in àterus logus de su Mediterràneu.

Paschixedda - il mio magico natale

Natale in sardo: Paschixedda e Pasca de Nadale

Paschixedda nel sud e Pasca de Nadale nel centro nord: sono questi i nomi più diffusi nell’isola per indicare la festa di Natale in sardo. La parola chiave è quindi pasca che in sardo significa festa: ad esempio, sa Pasca de sos tres res o Pasca de is tres urreis è la festa dei re magi, ovvero l’Epifania (la Befana è arrivata dopo) che cade il 6 gennaio.

Paschixedda in campidanesu, Pasca de Nadale in logudoresu: custus funt is duus fueddus prus imperaus po indiai sa festa de su nascimentu de Gesus. Sa peràula de importu est duncas “pasca” chi in sardu bolit nai “festa”. Custu fueddu ddu agataus puru in “Pasca de sos tres res” o “Pasca de is tres urreis”, su nòmini sintzillu de s’epifania in Sardìnnia (chi lompit su 6 de gennàrgiu), ca sa Befana est arribada de pagu tempus innoi, sendi una festa italiana.

Anticamente questa festa era quella in cui i bambini ricevevano dolci e regali. Ma in alcune zone della Sardegna, ancora prima della comparsa di Babbo Natale, Gesù Bambino (su Ninnu o su Ninnicheddu) era solito portare qualche pensierino ai fanciulli più buoni.

In is tempus antigus fiant is tres urreis a betiri is istrennas e is durcis a is pipius. Ma est beru puru chi calincuna bidda e tzitadi de s’ìsula giai nci fiat su Ninnu o Ninnicheddu (ainnantis de Santa Claus) ca portàt is donus a is pipieddus.

Natale in sardo: modi di dire

Pasca e Paschixedda: dicius in sardu

La lingua sarda ha conservato una serie di modi di dire legati all’esperienza natalizia, una volta molto diffusi, ma che valgono ancora oggi.

Sa lìngua sarda at allogau unus cantu dìcius acapiaus a sa Pasca de Nadale o Paschixedda, chi s’imperant ondì puru.

Ad esempio, per dire che una cosa durerà poco, ovvero che un regalo ricevuto a Natale verrà immediatamente distrutto perché è fragile o perché si conosce bene la persona a cui è stato regalato, si dice de Pasca a Santu Stèvini cioè che durerà da Natale a Santo Stefano.

Po nai chi una cosa at a durai pagu e nudda, si narat “de Pasca a Santu Stèvini”, est a nai chi at a essi destruta in una die sceti.

Inoltre a Cagliari si dice e mer”e pasca (lett. troppa festa). L’espressione si usa in senso ironico quando le richieste si fanno insistenti, magari dopo che un bambino ha ricevuto uno o più regali ma ne vorrebbe ancora: allora arriva il momento di porre fine alla festa, e quindi alle richieste.

Un’atra manera de nai chi s’imperat po su prus in Casteddu est “e mera de Pasca”: si narat candu is pipius sighint a pediri arregalus o atras cosas.

Natale in sardo: usi e costumi

Paschixedda: su connotu

Il Natale nella tradizione è sempre stata una festa a carattere familiare con un iter abbastanza semplice e diffuso in quasi tutta l’isola. Il 24 notte si festeggia la vigilia a tavola: questa è chiamata Noti de cena (notexèna) a Cagliari e nel sud, e Note de chena nel centro nord.

Sa Paschixedda, una festa po sa famìllia est, chi de tempus meda s’afestat sempri in sa matessi manera, cun su noti de cena chi s’aprontat su 24.

Dopo la cena si usa andare a messa. Una volta la messa di mezzanotte del 24 dicembre, chiamata missa de pudda o de puddu, era un po’ chiassosa per via dell’alto tasso alcolico che scorreva nel sangue dei partecipanti, che cercavano di smaltire col ballo davanti alla chiesa, in pratza de crèsia, usanza che spesso era malvista dalla chiesa ufficiale, ma tuttavia sopportata.

Un’atra costumàntzia est sa de andai a sa missa de mesunoti chi ddi nanta missa de pudda o de puddu. A bortas custa missa podit essi unu pagu trumbullada (po mori de su bufòngiu) e podit po fintzas acabai cun is ballus sardus in sa pratza de sa crèsia.

A casa invece si giocava ai giochi tipici delle feste natalizie. Tra questi, specialmente a Cagliari e nel sud Sardegna, il più diffuso era su barrallicu.

In domu, po su prus in Casteddu, si giogàt cun su barrallicu.

Natale in sardo campidanese

Paschixedda e Pasca Manna

Per sottolineare la relativa importanza di tale festa nella tradizione sarda basta pensare al nome in Campidanese, cioè Paschixedda. Paschixedda, cioè piccola Pasqua, è da mettere in contrapposizione a Pasca Manna, grande Pasqua che è la Pasqua cristiana appunto e che nel calendario delle feste religiose sarde aveva la preminenza su tutte le altre.

In campidanesu su fueddu Paschixedda ndi benit de “Pasca pitica” ca sa festa prus de importu est Pasca Manna.

Notte de Nadale: il significato della festa nei versi del poeta Montanaru

Su noti de Paschixedda: su sentidu sintzillu de sa festa in sa poesia de Montanaru

Il Natale è finalmente arrivato. Le campane diffondono per le strade l’entusiasmo per la festa che in tutte le case si attende, messaggera di speranza in un mondo caratterizzato dal male. In ogni luogo e in ogni tempo le persone ritrovano un po’ di conforto nella fede che il domani sia ricco di pace.

Paschixedda est arribada. Is campanas faint sciri a totus chi custa festa, chi depit portai su beni, est arribada. In dònnia logu e in dònnia tempus in custu noti sa genti agatat unu pagu de cunfortu e de speràntzia po su benidori.

In questi versi del poeta desulese Antioco Casula “Montanaru” l’atmosfera del Natale viene dipinta con essenzialità idilliaca come festa della speranza in un futuro migliore.

In custa poesia, su poeta desulesu Antiogu Casula Montanaru pintat s’essèntzia de sa festa de Paschixedda: festa de grandu importu po is fèminas e is òminis chi, diaici, podint pentzai a unu mundu unu pagu mellus.

Toccana sas campànas de Natale
sa festa disizada in ogni domo;
su mundu che a s’antiga torrat como
càrrigu de isperu in tantu male.

In sos montes, in mares e in portos
lontanos, in sas biddas e zittades
comente de Gesus in sas edades
torrat s’umanidade a sos cunfortos

De sa fide, a s’invitu ’e sa paghe
ca troppu hamus penadu e combattidu
dae cando su sole hat coloridu
de lughe ogni pianu ogni nuraghe.

Deo puru t’invoco o Deus nou
gentile Deu de sos cristianos.
M’imbenugio e in altu alzo sas manos
d’ogni penseri meu est che i s’ou

Virgine, senza mal’intenzione,
cun su coro pienu ’e disizos
santos de bene, pro tottu sos fizos
chi adorant sa tua passione.

A su perdonu ispirami, a s’amore
a su tribagliu santu resistente;
faghemi forte, rendemi potente
pro incher’a dogn’ora su dolore;

E sos impetos d’odiu ch’a bortas
mi passana sas carres che turmentu
cun sa furia manna ’e su entu
chi faghet tremer fentanas e portas.

Passa o Deus ancora in cust’edade
de odiu ricca e povera d’amore,
cantende de sa notte in s’isplendore:
«Paghe a sa zente ’e bona volontade!».

Pipius.com bos àgurat una Paschixedda arrica de paxi, trigu e amori.

Fiabe sarde Grazia Deledda paschixedda natale in sardegna

Leggi anche – Càstia puru:

Il Natale in Sardegna raccontato da Grazia Deledda

Halloween Sardegna: morti, fantasmi e spiriti raccontati da Grazia Deledda

Grazia Deledda per bambini: fiabe e novelle

Fiabe sarde per bambini e genitori

S’atonzu: l’autunno nelle poesie di Antioco Casula Montanaru

Nomi dei mesi in Sardo e filastrocche per impararli

Share