Sa Pipia de Carèsima: da mercoledì delle ceneri a Pasqua, il calendario dei bambini

sa pipia de carèsima

Sa Pipia de Carèsima: dal mercoledì delle Ceneri alla Pasqua
Sa Pipia de Carèsima: de mèrcuris de is cinixus a Pasca Manna

La Pasqua a Cagliari è una festa ancora molto sentita da tutta la popolazione, in particolare dai bambini che aspettano con trepidazione la domenica per poter mettere le mani sulle uova di cioccolato, scartarle e scoprire le sorprese in esse contenute, mettendo fine ai sacrifici (oggi sempre meno frequenti) del periodo quaresimale. Infatti, questo periodo dell’anno, compreso tra il Carnevale e la Pasqua, era un tempo caratterizzato dall’astinenza, anche per i bambini cagliaritani e sardi in generale.

Pasca Manna in Casteddu, una festa de grandu importu po totus est, oindì puru. Po su prus po is pipius, chi abetant s’acabu de sa carèsima. Aici, su domìnigu de Pasca Manna, no bint s’ora de nd’oberri is ous de cioculati e scoberri is gioghitus chi nci funt aintru. Una borta perou sa carèsima, chi cumentzat a sa fini de su Carnasciali e nd’acabat cun sa Pasca Manna, po fintzas po is pipius sardus, fiat una temporada chi tocàt a fai sacrifìtzius e a papai pagu petza e durcis, e pisci meda.

Sa Pipia de carèsima, il calendario dei bambini
Sa Pipia de carèsima, su calendàriu de is pipius

Sino alla metà del secolo scorso a Cagliari l’ingresso nella Quaresima era sancito dalla preparazione de Sa Pipia de Carèsima, una sorta di calendario dell’avvento pasquale, che faceva bella mostra di sé in tante case e negozi della città. Si tratta di una sorta di “bambola”, raffigurante una bambina o una donna, realizzata col pane, oppure con la stoffa, o ancora disegnata sulla carta o ritagliata sul cartone. In ciscuna mano tiene un pesce oppure un pesce e una graticola.

Fintzas a sa primu perra de sèculu colau, su cumentzu de sa Carèsima in Casteddu boliat nai a aprontai Sa Pipia de Carèsima, est a nai unu “calendàriu pascali” chi genti meda apicàt in is mrus e in is portas de is domus e de is butegas. Sa pipia de Carèsima tenit sa bisura de una pipia o de una fèmina, chi faiant cun su pani o cun arrogus de pannu, e po su prus cun paperi e cartoni.  In dònnia manu tenit unu pisci o unu pisci e una cardiga.

Tuttavia la caratteristica peculiare della “pipia” è rappresentata dalle sette gambe che rappresentano le cinque domeniche di Quaresima, la domenica delle Palme e la domenica di Pasqua. Sa Pipia de Carèsima viene realizzata il mercoledì delle ceneri (mèrcuris de su cinixu) e ogni domenica se ne stacca una gamba: l’ultima, di solito quella centrale che è anche la più grossa o lunga, si stacca proprio il giorno di Pasqua.

Sendi unu calendàriu chi serbit po contai is cidas chi amancànt a sa Pasca Manna, custa pipia tenit seti cambas, est a nai una camba po cada domìnigu: is cincus domìnigus de Carèsima, su domìnigu de sa Prama e su domìnigu de Pasca Manna. A sa pipia de Carèsima tocat a dda fai su mèrcuris de su Cinixu e dònnia domìnigu tocat a ddi bogai una camba: s’ùrtima, po su prus sa chi portat in mesu, chi podit essi po fintzas prus manna, est a dda bogai sa di’ de Pasca.

Insieme a Su nènniri e a S’anguli, Sa Pipia de Carèsima rappresenta in maniera simbolica la Pasqua a Cagliari. I più vecchi raccontano che questa “bambolina” dalle sette gambe, realizzata in carta colorata dalle suore, veniva venerata e custodita con attenzione in casa poiché proteggeva la famiglia dalla cattiva sorte.

Paris a Su Nènniri e a S’Anguli, Sa pipia de Carèsima est sa màgini de sa Pasca Manna in Casteddu. Is bècius contant chi custa pipia a seti cambas, chi is mòngias faiant cun su paperi colorau, una borta dda allogànt de manera cuidadosa poita ca amparàt sa famìllia de sa mala sorti.

Ma di solito erano i bambini ad essere attratti da questa simpatica quanto caratteristica figura, probabilmente di origine catalana, così come lo sono ancora oggi dal calendario dell’avvento natalizio. Un modo antico ma pratico per imparare a scandire il tempo.

Custa pipia allirga e stramba, chi tenint po fintzas is frailis nostrus cadelanus, praxiat meda a is pipius: una manera antiga ma utilosa po imparai a cumprendi su tempus chi colat.

Scarica la tua Pipia de Carèsima e appendila al muro: ogni domenica staccale una gamba!

Scàrriga sa pipia de Carèsima cosa tua e arregordarì: dònnia domìnigu ddi depis bogai una camba!

sa pipia de carèsima

Quaresima e Pasqua in Sardegna – Per saperne di più:
Carèsima e Pasca Manna in Sardìnnia – Po ndi sciri de prus:

Pasqua in Sardegna: su coccoi cun s’ou

Tradizioni popolari di Nuoro in Sardegna

Leggi anche:
Càstia puru:

Fiabe sarde per bambini e genitori

Nomi dei mesi in Sardo e filastrocche per impararli

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini

Share