San Martino per bambini e grandi: festa, leggenda e tradizioni

San Martino per bambini

San Martino per bambini e grandi: festa, leggenda e tradizioni
Santu Martinu po pipius e mannus: sa festa, su contu e su connotu

La Festa di San Martino, che ricorre l’undici novembre, è molto sentita in Europa, soprattutto nei paesi cattolici di lingua tedesca e fiamminga, ma anche in altre regioni protestanti, nonché in varie regioni e città italiane. Da sempre, è una festa che unisce le famiglie e che vede protagonisti i bambini.

A Santu Martinu ddu afestat genti meda in dònnia arrenconi d’Oropa s’ùndixi de su mes”e donniasantu o Santandria. Po su prus, grandu festa faint in biddas e tzitadis tedescas e fiamingas. E no sceti is natzionis catòlicas ma po fintzas cuddas protestantis. Unas cantu festas s’agatant in Itàlia puru. Comuncas, de sèmpiri, sa de santu Martinu, una festa chi praxit meda a pipius e famìllias est.

San Martino in Sardegna
Sa festa de Santu Martinu

Per quanto riguarda la Sardegna, San Martino (Santu Martinu o Santu Martì) è ricordato e celebrato in numerosi centri, tra i quali ricordiamo Sanluri: qui si festeggia con su fogadoni, grande fuoco che viene acceso in suo onore, e con la preparazione de sa fa buddia (le fave lesse).

Chistionendi de sa Sardìnnia, nareus chi sa festa de Santu Martinu o Santu Martì de importu mannu est in unas cantu biddas. Intr”e custas nc’est Seddori, aundi dd’afestant a fogadoni e a fa buddia.

Santu Martinu è ricordato anche perché, patrono di vendemmiatori e viticoltori, presenzia alla nascita del vino novello. In sardo ancora oggi si dice A Santu Martinu in dònnia carrada est prontu su binu (A San Martino in ogni botte è pronto il vino).

Santu Martì de importu mannu est po fintzas po is messajus. Difatis ddi nanta “protetori” de su binu nou, e ancoras oindì in sa lìngua sarda est abarrau su dìciu: A Santu Martinu in dònnia carrada est prontu su binu.

san martino per bambini - pipius

San Martino per bambini: lanterne, cavalli, mantelli e oche

Santu Martinu po is pipius: làntias, cuaddus, manteddus e cocas

La storia di Martino è molto celebre e ricca di significati, e non è un caso che, al di là degli aspetti religiosi, piaccia ancora tanto ai grandi e ai bambini. Come tutti i racconti agiografici, anche quello di San Martino è ricco di varianti e sfumature che cambiano da paese a paese.

Su contu de santu Martinu genti meda ddu connoscit, e no sceti sa genti scìpia de cosas de crèsia. Arrica de sperièntzias chi podeus nai “simbòlicas”, sa vida de cust’òmini praxit meda a is mannus e a is pipius. E in dònnia logu si podint agatai contus diferentis.

Ad ogni modo, la tradizione vuole che Martino sia nato intorno al 315 in Ungheria e morto l’8 novembre  del 397 in un paese della Gallia (l’odierna Francia) che porta il suo nome: Candes-Saint-Martin. La ricorrenza in suo onore cade invece l’11 novembre, giorno dei suoi funerali celebrati a Tours.

Nanta ca Martinu fiat nàsciu a ingìriu de s’annu 315 in Ungheria e chi si fiat mortu su 8 de su mes”e Santandria de s’annu 397 in una bidda frantzesa chi portat su nòmini suu: Candes-Saint-Martin. Ma sa festa si fait su 11 chi est sa di’ chi dd’ant interrau in sa tzitadi de Tours.

Le lanterne di San Martino, festa della luce
Is làntias de Santu Martinu, festa de sa luxi

Il trasferimento del corpo del santo e il suo seppellimento a Tours videro la partecipazione di numerosi fedeli che accompagnarono il santo con luci, torce e lanterne. Da allora, in molte località del centro e del nord Europa, in particolare nelle regioni di lingua e cultura tedesca, i bambini vengono coinvolti nella preparazione delle lanterne e diventano i protagonisti della Festa di San Martino, che si svolge appunto la sera dell’11 novembre. Una vera e propria Festa della Luce, durante la quale i bambini, insieme alle loro famiglie, vanno in processione al buio con le lanterne e cantano le canzoni tradizionali.

Sa di’ de s’interru, genti meda fiat andada a acumpangiai su baullu de su santu. A custu ddu iant interrau aundi nci fiat sa crèsia antiga. Sa genti iat fatu una prufessioni manna dearerus. Totus portànt me is manus luxis, làntias e làmparas. Po cust’arrexoni is pipius  e is famìllias afestant a su santu cun is làntias: una “festa de sa luxi” chi tenit unu grandu balori simbòlicu in is natzionis de s’Oropa de su nordu. Innoi, totus cantant imparis is cantzonis de su connotu in sa lìngua insoru.

Il mantello di San Martino
Su manteddu de Santu Martinu

L’episodio forse più celebre della vita di Martino è sicuramente quello del mantello, raffigurato anche da importanti pittori in affreschi e disegni ancora oggi carichi di suggestione e fascino.

Pintada de artistas famaus, sa vida de Martinu est stètia arrica meda. Comuncas, s’acontèssiu prus connotu est su de su manteddu.

La tradizione vuole che Martino fosse un cavaliere armato e che prestasse servizio nell’esercito. Dopo aver vissuto a lungo in Italia, venne inviato in Francia.

Nanta ca Martinu fessit unu sordau a cuaddu e chi traballessit po s’armada de s’imperadori. Aici, bènniu de s’Ungheria, fiat crèsciu in Itàlia e a pustis fiat andau in Fràntzia.

Durante una ronda notturna Martino si trovava insieme ad altri cavalieri. Era novembre, inverno, e faceva davvero freddo, ma così freddo che la pioggia si era trasformata in ghiaccio e le strade in vere e proprie ghiacciaie, scivolose e pericolose per cavalieri e cavalli.

Faendi sa bàrdia cun àterus caballeris, fiat a giru a de noti. Frius faiat ca su mes”e donniasantu fiat, in s’ierru. Ma su frius fiat lègiu deaderus; aici lègiu chi s’àcua furriàt a astragu e is arrugas nieras pariant. E perigolosu meda podiat essi po cuaddus e caballeris.

Mentre i suoi commilitoni sferzavano i loro cavalli con la frusta, Martino accarezzava il suo animale e lo rassicurava con gesti e parole: quel cavallo era stato il suo compagno di tante avventure e gli voleva bene. Fu così che, con lentezza e con passo deciso, Martino e il suo cavallo arrivarono nei pressi di Amiens.

Mentras is cumpàngius de issu arropàant is cuaddus a zirònnia, Martinu carinniàt su suu ca gopai ddi fiat, sendi cun issu e totu chi iat tentu sperèntzias e benturas. E po custu ddu stimàt de manera sintzilla. Aici, leri leri ma segurus, Martinu e su cuaddu fiant lòmpius anche sa tzitadi de Amiens.

Ma quando la porta della città era ormai prossima, il cavallo si fermò. In quello stesso istante il cavaliere notò un mendicante talmente povero che non aveva neanche uno straccio per coprirsi. L’uomo, infatti, batteva i denti e sarebbe di certo morto per il freddo se Martino, con fare risoluto, non fosse intervenuto.

Ma candu fiant acant’a bintrai po sa ‘enna de sa tzitadi, su cuaddi si fiat parau. De suncona, su sordau iat billau a unu pòburu chi fiat spollincu, morendisì de su frius. E seguramenti cussu cristianu iat a essi mortu si Martinu no dd’essit agiudau.

Così estrasse la spada e con decisione tagliò buona parte del suo mantello per porgerlo all’uomo. Fatto ciò, passò la porta della città. Dopo aver accudito il cavallo, raggiunse i suoi camerati in una locanda. Questi, nel vederlo col mezzo mantello sbrindellato, cominciarono a prenderlo in giro, deridendolo. Tuttavia Martino non ci fece caso e lasciò correre.

Aici nd’iat bogau sa daga e nd’iat segau in duas perras su manteddu suu, spartziendi-ddu cun s’òmini e totu. De sighia, fiat intrau in tzitadi, aundi iat incuriau su cuaddu. A pustis, fiat andau a bufai calincuna cosa in unu tzilleri anca nci fiant is àterus sordaus. Custus, biendiddu a manteddu segau, dd’iant postu cantzoni. Ma issu si ndi fiat frigau.

Quella stessa notte, mentre dormiva in maniera serena del sonno dei giusti, sognò un gran fulmine stagliarsi davanti a lui, dal quale uscì un uomo col volto splendente e un pezzo di mantello per tutto simile al suo, viola come le saette. L’uomo, che assomigliava al mendicante e che portava i segni della passione, era Gesù. Il cavaliere allora lo guardò e il Salvatore gli disse, porgendogli il mantello: “Martino, hai aiutato me!”. Poi, rivolgendosi agli angeli, fece: “Questo è Martino, soldato non battezzato che col suo mantello mi ha salvato”.

Cussu noti e totu, crochendu sulenu cumenti faint is giustus, si fiat postu a bisai. Iat biu unu lampu ananti a issu, chi ndi fiat bessiu un’òmini a cara luxenti. Custu teniat un’arregu de manteddu che su suu, de su color”e s’arraju. S’òmini, chi pariat su pòburu e chi tenita is sinnus de sa passioni, Gesugristu fiat. Intzandus dd’iat castiau e su Sarbadori dd’iat nau, torrendi su manteddu: “Martinu, a mei e totu as agiudau!”. Duncas iat castiau a is àngiulus e iat nau puru: “Custu, Martinu est, sordau sentz”e batiari chi cun su manteddu m’at sarbau!”.

Il giorno seguente il mantello di Martino era di nuovo intero. Ma non solo. Le nuvole avevano lasciato spazio ad un sole caldo e benevolo. Fu così che, dopo quel caritatevole gesto, le temperature risalirono e il freddo glaciale svanì per alcuni giorni. Tale periodo da allora fu detto l’estate di San Martino.

S’incras su manteddu de Martinu fiat nou. In prus, in is celus is nuis si ndi fiant andadas lassendi unu soli callenti e bonu. Diaici, a pustis de cussu gestu prenu de amori, iat cumentzau a fai unu pagu de basca torra. De tandu, a cussas dies ddis nanta S’istiu de Santu Martì.

San Martino e le oche

Santu Martinu e is cocas

L’episodio del mantello e del sogno cambiò la vita di Martino, che divenne da allora una figura leggendaria al servizio dei più bisognosi. La gente lo amava anche perché egli era solito girare le contrade di Francia a piedi. Oltre all’opera di evangelizzazione Martino non perdeva occasione di aiutare gli agricoltori (che ancora oggi lo venerano come loro protettore) col sudore e con la fatica. Uomo d’onore e d’azione, il popolo voleva che Martino diventasse vescovo di Tours.

S’acontèssiu de su manteddu e de su bisu iat furriau sa vida de Martinu po sèmpiri. Totus ddu stimànt ca òmini de cabali fiat, sempri prontu a agiudai sa genti, po su prus is messajus chi issu atobiàt girendi a pei totu sa Fràntzia. E sigumenti no betiat sceti su fueddu cristianu, ma agiudàt traballendi sa genti, su pòpulu ddu bolit fai obispu.

Secondo la tradizione, un giorno il popolo decise di fare una supplica ufficiale all’amato Martino, che non avrebbe potuto di certo dire di no. Fu così che, venuto a conoscenza della volontà della gente ma dubbioso circa l’incarico da assumere, decise di nascondersi in una fattoria nell’agro di Tours.

Nanta chi una di’, sendi chi issu no boliat lassai su sartu po si fai obispu, issu si fiat cuau in unu statzu. Sa genti, chi ddu circàt a perdas bogadas po ddi fai custa dimanda, no arrennesciat a dd’agatai.

Un ottimo nascondiglio, tanto che i fedeli non riuscirono proprio a trovarlo se non grazie all’aiuto delle oche della fattoria. I pennuti, infatti, decisero di richiamare l’attenzione della gente e guidarono il popolo nel nascondiglio dov’era nascosto Martino. Anche quello fu un segno chiaro, a dire dell’uomo e dei fedeli, della provvidenza. E così l’ex soldato imperiale divenne vescovo di Tours per volontà del popolo e di Dio.

Sceti gràtzias a is cocas, chi, cun s’agiudu de sa providèntzia, iant ghiau sa genti aundi fiat cuau issu, iant cuncurdau sa tzirimònia e totu, e Martinu ndi fiat bessiu obispu de Tours.

San Martino contro fulmini …e diavoli

San Martinu amparadori contr’a arrajus …e tiàulus

La festa di San Martino è una festa della luce. L’inverno, col suo carico di freddo e di giornate buie, trova il suo antagonista in una figura forte e lucente. Le lanterne e il calore della famiglia si oppongono così al rigido periodo invernale e alle giornate di pioggia, ai tuoni e ai fulmini. Non è un caso quindi che in Sardegna San Martino, così come Santa Barbara, sia invocato come protettore dai fulmini.

Sa de Santu Martì, festa de luxi est. S’ierru, fridu e nieddu, batallat cun issu, forti e prenu de luxi, chi tenit po fintzas su poderi de amparai is òminis de is lampus e de is tronus.

Tra le filastrocche magiche, is brebus, da recitare in lingua sarda contro fulmini e tuoni c’è sicuramente quella delle 12 parole di San Martino: is doxi peràulas de Santu Martinu. Come al solito, ne esistono diverse varianti. Questa è in lingua sarda campidanese, diffusa nella parte centro meridionale dell’isola.

E po fai custu, is sardus imperant is brebus, che su chi ddi nanta Is doxi peràulas de Santu Martinu, chi arresant in su cabu ‘e giossu.

Is doxi peràulas de Santu Martinu

Chi ses Martinu, de peràulas bonas,
mi nd’as a nai una.
Su soli cun sa luna.
Mi nd’as a nai duas.
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei,
(a s’ortu ‘e Gerusalemi).

Chi ses Martinu, de peràulas bonas,
mi nd’as a nai tres.
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai cuatru.
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai cincu.
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai ses.
Ses funt is ses cerus,
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai seti.
Seti funt is seti donus,
Ses funt is ses cerus,
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai otu.
Otu funt is otu corus
Seti funt is seti donus,
Ses funt is ses cerus,
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai noi.
Noi funt is noi paramentus,
Otu funt is otu corus
Seti funt is seti donus,
Ses funt is ses cerus,
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai dexi.
Dexi funt is dexi cumandamentus,
Noi funt is noi paramentus,
Otu funt is otu corus
Seti funt is seti donus,
Ses funt is ses cerus,
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai ùndixi.
Undixi funt is ùndixi milla vìrginis,
Dexi funt is dexi cumandamentus,
Noi funt is noi paramentus,
Otu funt is otu corus
Seti funt is seti donus,
Ses funt is ses cerus,
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai doxi.
Doxi funt is doxi apòstulus,
Undixi funt is ùndixi milla vìrginis,
Dexi funt is dexi cumandamentus,
Noi funt is noi paramentus,
Otu funt is otu corus
Seti funt is seti donus,
Ses funt is ses cerus,
Cincu funt is cincu liagas,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Tres funt is tres Marias,
Duas funt is tàulas de Mosei,
ca est andau Gesugristu a pei.

Se però si ha paura del diavolo, allora ai dodici brebus se ne aggiunge un tredicesimo, numero davvero portentoso contro su tiàulu o sa tentatzioni:

Si teneis timoria de sa tentatzioni, intzandus podeis aciungi custu brebu:

Chi ses Martinu de peràulas bonas,
mi nd’as a nai trexi.

Trexi no est lei,
passa atesu de totus e de mei,
Duas funt is tàulas de Mosei,
Tres funt is tres Marias,
Cuatru funt is cuatru evangelistas,
Cincu funt is cincu liagas,
Ses funt is ses cerus,
Seti funt is seti donus,
Otu funt is otu corus,
Noi funt is noi paramentus,
Dexi funt is dexi cumandamentus,
Undixi funt is ùndixi milla vìrginis,
Doxi funt is doxi apòstulus,
candu Gesugristu andat a pei,
abarra milli passus atesu de mei,
a sut”e terra ti nci sprefundu,
e no torris a benni mai prus a custu mundu!

San Martino per bambini – Per saperne di più:

San Martino di Tours – Silvia Vecchini

Fiabe e leggende – Leggi anche:

Leggende sarde Janas: fate e streghe della tradizione popolare della Sardegna

Leggende sarde. Storie di janas: Sas janas e Sas sennoras de Donnigatza in regalo

La leggenda di Sant’Antonio: Sant’Antoni de su fogu

Halloween in Sardegna: alla scoperta di mostri e vampiri della nostra isola

Grazia Deledda per bambini: fiabe e novelle

Banditi sardi tra storia e letteratura, per grandi e ragazzi

Racconti e storie di janas: Sas janas e Sas sennoras de Donnigatza

 

Share