Leggende sarde. Storie di janas: Sas janas e Sas sennoras de Donnigatza in regalo

Leggende sarde. Storie di janas per bambini e non solo: Sas janas e Sas sennoras de Donnigatza

Leggende sarde: Sas janas e Sas sennoras de Donnigatza. Due antichi racconti sulle gianas o janas, le fate della tradizione popolare sarda, tramandati oralmente per secoli e raccolti a Ghilarza nei primi anni del Novecento dal linguista Gino Bottiglioni (1887 – 1963). Le due leggende vengono qui riproposte nella versione in lingua sarda e in una nuova trasposizione in italiano. Buona lettura.



Leggende sarde – Storie di janas: Sas janas

Tanto tempo fa nella nostra isola vivevano le fate, che in lingua sarda venivano chiamate janas (gianas). Queste erano davvero molto piccole e vivevano in quelle che ancora oggi chiamiamo domos de janas, ovvero case delle fate. Nei dintorni di Ghilarza le fate sarde anticamente vivevano nella zona di Trempu e in quella di Santu Giuanne.

Le janas erano molto belle e usavano vestirsi in maniera molto elegante, per lo più di rosso. Indossavano sempre un fazzoletto a fiori che portavano alla Santa Zita nonché preziose collane d’oro. Trascorrevano il tempo a cucire e a filare, e a lavorare nella loro terra. Le case delle janas, che si trovano sul monte, sono molto piccole, così come piccoli erano i loro arredi, mentre i loro piatti erano tutti a fiori.

Sas janas fuint piticheddeddas piticheddeddas e biviant in sas domus de sas janas in Trempu e in Santu Giuanne. Fuint meda bellas e si bestìant de rùgiu cun-d unu mucadore afroriau e postu a sa zitina e cun sas cannacas de oru, e cusiant e fillaiant e triballaiant in sa terra insoru. Sas domus de janas funtis in su monte, sos trastos fuint piticheddeddos cumente issas e totu sos pratos froriaos.

Il popolo delle janas viveva appartato, lontano dagli umani. Esse erano molte religiose e avevano una chiesa molto simile alla nostra. Siccome le janas erano davvero molto ricche, nel corso dei secoli, in quelle che una volta erano le loro proprietà, hanno trovato tantissimi tesori e cose di grande valore.

Custa zente biviant apartadas de sas àteras e fuìnt meda religiosas; sa crèsia insoru fuit comente dda tenimos nois. Sigomenti sas janas fuìnt meda ricas in su cunzau insoru ant agatau meda cosa valorosa.

Quando mia nonna era piccola ne vide una nella zona di Òrgono. La jana le si avvicinò e la toccò, quindi le chiese dove stesse andando e se volesse andare con lei. Mia nonna però si spaventò e le rispose che non l’avrebbe mai e poi mai seguita. Stiamo parlando di una cosa accaduta circa novanta anni fa. Ad ogni modo, quando in Sardegna sono arrivati i pisani, pian pianino le janas sono scomparse, ma le loro case sono ancora oggi ben visibili.

Candu igiàgia fuit pitica nd’aiat ‘istu una in Òrgono chi dd’aiat tocada e dd’aiat preguntadu a inui andaiat e si cheriat andare impari cun issa; issa at tèmiu e at nau chi no. Custu at esse noranta annos faet. Custa zente candu funtis bènnios sos pisanos, a pagu a pagu si funtis ispèrdias ma de sas domos insoro si nd’agatat ancoras.

racconti e storie di janas - banner Fiabe sarde

Leggende sarde – Storie di jans: Sas sennoras de Donnigatza

Cento ottanta anni fa a Ghilarza vivevano le Signore di Donnigazza e abitavano proprio nel rione che sino a qualche tempo fa portava quel nome. Le loro case erano fatte come i nuraghi, ma molto più grandi. Inoltre avevano un giardino molto grande nel quale trascorrevano il loro tempo, senza uscire quasi mai dalle loro proprietà.

Chentu otant’annos faet biviant sas sennoras de Donnigatza, in su ‘iginau chi si naraiat Donnigatza. Sas domos insoru fuìnt fatas comente sos nuraghes, ma meda prus mannas e in mesu su giardinu. No bessiant gasi mai, si no fuit a su giardinu insoro. 

Solo la domenica uscivano dalle loro case e dai loro giardini per andare tutte insieme a messa presso un convento di francescani che si trovava in Burecco e nel Cantareddu. E i frati le aspettavano con trepidazione, tanto che non officiavano la cerimonia se le janas non erano presenti.

Sa domìniga andaiant totus imparis a sa missa a unu gunventu de sos paras frantziscanos chi fuit in Bureco e in su Cantareddu e fintzas chi no beniant issas, sos paras no cumentzaiant sa missa.

Si vestivano con abiti di lino e di panno che tessevano con le loro mani, e le gonne le ricamavano a colori con un filo ordito sempre da loro. Ai piedi erano solite calzare delle babbucce anch’esse ricamate, mentre in testa portavano un fazzoletto bianco con sotto una cuffietta coi nastri.

Si ‘estiant de linu e de pannu chi tessiant issas e totu, ma sas punneddas ddas ricamaiant a colores cun filu chi ordinzaiant issas e totu, e in pes giughiant sas babutzas ricamadas cussas puru, in conca giughiant unu mucadore biancu e in suta portaiant unu cambussinu cun nastros. 

Per lungo tempo sono state padrone di immensi tesori che usavano sotterrare sotto i pavimenti delle loro case di pietra. Quando facevano il bucato, invece di utilizzare il sapone, erano solite sfregare con una specie di pane fatto con farina, burro e crusca. Comunque la loro mansione principale restava quella di filare, tessere e ricamare. Poi, quando sono arrivati i pisani, sono scomparse.

Teniant tesoros mannos usaiant ddos suterrare in sut”e su paviment”e sas domos; candu samonaiant sas robas invez”e sabone frigaiant crivatzu e su triballu insoru fuit a fillare, a tèssere e a ricamare. Candu funt bènnios sos pisanos funtis iscumpartas.

 

Leggende sarde – Storie di janas – Scarica il PDF gratuito:

Scarica il PDF gratuito con le due leggende Sas janas e Sas sennoras de Donnigatza



Leggende sarde – Storie di Janas – Leggi anche:

Leggende sarde Janas: fate e streghe della tradizione popolare della Sardegna

Storie di janas – Per saperne di più:

Leggende e tradizioni di Sardegna

Cultura sarda – Leggi anche:

Nomi dei mesi in Sardo e filastrocche per impararli
Nòminis de is mesis in Lìngua / Limba Sarda

Froris e babajolas: filastrocche in sardo per bambini allegri
Froris e babajolas: Imbala-pipius in sardu gioghendi a foras

Banditi sardi tra storia e letteratura, per grandi e ragazzi

Grazia Deledda per bambini: fiabe e novelle

Fiabe sarde per bambini e genitori

Halloween in Sardegna: alla scoperta di mostri e vampiri della nostra isola

 

Share