Un grido nella notte di Grazia Deledda: novella noir da leggere e scaricare gratis

un urlo nella notte

Un grido nella notte di Grazia Deledda: novella noir da leggere e scaricare gratis

Nei tempi antichi, spesso si udiva raccontare dai vecchi seduti nelle mureddas delle piazze dei paesi sardi numerosi racconti. Tra storie reali, fiabe e leggende, capitava pure che gli anziani narrassero loro degli incontri che spesso avvenivano tra il mondo dei vivi e quelli dei morti.

Si trattava di racconti carichi di fascino e allo stesso tempo paurosi, che tuttavia attiravano la curiosità dei più giovani nei confronti degli aspetti più oscuri dell’esistenza. D’altronde, sino a non troppo tempo fa, gli incontri con le anime dei morti che ritornavano nel mondo dei vivi facevano parte della cultura popolare e quotidiana delle persone. Incarnate nei corpi degli animali,  invisibili o ancora pallide sembianze del loro corpo, in certe occasioni ben precise si danno appuntamento in determinati luoghi densi di significato.

Infatti, ad eccezione delle panas, che si raccolgono nelle rive dei fiumi per lavare i panni, le altre anime dei morti sembrano preferire gli antichi nuraghi, le rovine dei castelli medievali, i crocevia oppure, come ha raccontato Enrico Costa nel suo capolavoro La bella di Cabras, a Oristano le anime dei morti erano solite comparire a cavalcioni del diavolo nel cosiddetto Canneto del Purgatorio, vicino alla chiesa del Rimedio.

Un grido nella notte di Grazia Deledda: la réula o ballo dei morti

A quanto pare, infatti, uno dei posti preferiti dai trapassati per incontrarsi, pare fossero proprio le chiese, specialmente quelle campestri. Per lungo tempo i sardi hanno evitato di entrarci di notte, in particolare dopo la mezzanotte e soprattutto in giornate particolare come la festa dei defunti, perché credevano che in tali momenti le chiese ospitassero proprio le anime dei morti.

Più di una persona ha riferito di aver visto, all’interno delle chiese, le anime dei morti ballare una danza demoniaca e di essere stato offeso e insultato, se non addirittura minacciato e braccato, proprio dai trapassati in festa. Tale schiera di morti danzanti, chiamata la réula in Gallura, ma conosciuta anche in altre regioni dell’isola, compare anche nella novella di Grazia Deledda intitolata Un grido nella notte.

Un grido nella notte di Grazia Deledda: una novella noir

Inserita nella raccolta intitolata Chiaroscuro, pubblicata dalla case editrice Treves di Milano nel 1912, Un grido nella notte è una delle novelle noir più conosciute di Grazia Deledda, che si conferma ancora una volta una profonda conoscitrice delle leggende sarde e delle tradizioni popolari dell’isola.

Una storia di fantasmi ambientata nel suggestivo scenario sardo tra feste campestri e balli di morti, che può essere un’ottima lettura (dai 12 anni circa) per la festa di Halloween o della ricorrenza tradizionale sarda de Is Animeddas e de Su Mortu Mortu.

Un grido nella notte di Grazia Deledda – Scarica la novella gratis:

Scarica la novella di Grazia Deledda (formato PDF)



Grazia Deledda – Leggi anche:

Grazia Deledda per bambini: fiabe e novelle

Halloween Sardegna: morti, fantasmi e spiriti raccontati da Grazia Deledda

Il Natale in Sardegna raccontato da Grazia Deledda

La Pasqua in Sardegna raccontata da Grazia Deledda

Racconti popolari e leggende sarde – Leggi anche:

Leggende sarde. Storie di janas: Sas janas e Sas sennoras de Donnigatza in regalo

Share